Il messaggio del Vescovo per la Quaresima

Mondovì, 17 Febbraio 2021 – Mercoledì delle Ceneri

Oggi, con il rito delle ceneri, inizia la Quaresima, il tempo liturgico di quaranta giorni che ci prepara alla celebrazione della Pasqua di morte e risurrezione del Signore, centro della nostra fede.

Quaranta: un numero simbolico, convenzionale, nella Bibbia, una parola che addirittura potrebbe suscitare fastidio, di questi tempi. Infatti potremmo dire che viviamo da un anno quasi esatto sotto il segno del numero quaranta, a partire dalla larga diffusione e ripetizione della parola “quarantena”.

Essa deriva ovviamente dal latino quadraginta e indica appunto il periodo di isolamento di quaranta giorni cui debbono sottoporsi persone o merci in sospetto di portare contagio: un uso che i documenti attestano già nel 1300.

Ma legata al numero “quaranta” è anche la Quaresima, perché la quadragesima dies era il “quarantesimo giorno” prima della Pasqua. Dopodiché, il termine “Quaresima” è passato a indicare tutto il tempo di penitenza e mortificazione che va dalle Ceneri alla Pasqua stessa.

In momenti di più intensa religiosità, il lessico liturgico entrava anche nei proverbi, se usava dire “Quando il padre fa carnevale, ai figlioli tocca far Quaresima” (se il padre sperpera, i figli devono vivere in ristrettezze) e “Carnevale o Quaresima, per me è la medesima”, a indicare chi non distingue una situazione dall’altra.

Ma proprio quest’ultimo modo di dire dovrebbe metterci in guardia e indurci a distinguere fra loro i tempi dell’anno e della vita, esercizio salutare in ogni ambito e tanto più in quello spirituale.

Certo, veniamo da un anno di quarantene e non di carnevaleschi divertimenti; di vita a distanza e virtuale più che di vita vera. Eppure, nonostante i mesi difficili che stiamo vivendo, dovremmo comunque riuscire a riconoscere alla Quaresima la sua specificità. Perché, se è vero che il corpo ha patito ripetute quarantene, può anche essere che, nell’ottundimento della forzata clausura domestica, lo spirito si sia smarrito, o semplicemente impigrito, come ripiegato sulle sue povertà, e ad esse assuefatto.

Se così fosse, quanto mai opportuna sarebbe l’esortazione di Isaia: “Irrobustite le mani fiacche, rendete salde le ginocchia vacillanti” (ls 35,3): occorre tornare ad alzarle, le nostre mani, verso il Cielo, con supplice fiducia; e bisogna, tanto più di questi tempi, avere la fermezza che può nascere solo dalla fede.

Quaresima sia allora un momento di reale conversione, di ritorno a noi stessi e all’autentico desiderio di vivere secondo il Vangelo, di recupero della nostra identità cristiana, che non può essere soltanto ideale o proclamata, ma deve passare attraverso scelte concrete e usi precisi.

Una Quaresima caratterizzata da un impegno anche piccolo, ma fedelmente rispettato, di lettura della Parola e di preghiera, di ripresa partecipazione alla Messa domenicale, e da uno sforzo di carità deciso nel segreto del cuore e praticato puntualmente, potrebbe essere tempo prezioso per giungere alla Pasqua un poco più degni di Cristo risorto.

È ciò cui vi esorto ed è ciò che sinceramente vi auguro.
+ Egidio Miragoli


Giovani on the road | Chi sono io per Te?

Pastorale giovanile e vocazionale

Torna l’appuntamento con “Giovani on the road”, a cura della Pastorale giovanile e vocazionale della diocesi di Mondovì. A guidare l’incontro ci sarà don Cristiano Mauri – cappellano universitario alla Università La Bicocca di Milano – che ha già accompagnato durante gli “esercizi spirituali” di inizio d’anno! 

L’appuntamento è sui canali YouTube e Facebook della Pastorale giovanile e vocazionale per la diretta streaming domenica 21 febbraio alle ore 20.30! Il tema dell’anno è pungolante “Chi sono io per te?”. 

Imposizione delle ceneri in tempo di pandemia

Impone le ceneri a quanti si avvicinano a lui o, se opportuno, egli stesso si avvicina a quanti stanno in piedi al loro posto. Il sacerdote prende le ceneri e le lascia cadere sul capo di ciascuno, senza dire nulla.

A causa dell’emergenza sanitaria, quest’anno – il 17 febbraio – il sacerdote, dopo aver igienizzato le mani e indossato la mascherina, imporrà le ceneri senza recitare la consueta formula. L’indicazione arriva dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti: “Pronunciata la preghiera di benedizione delle ceneri e dopo averle asperse con l’acqua benedetta, senza nulla dire – spiega una nota – il sacerdote, rivolto ai presenti, dice una volta sola per tutti la formula come nel Messale Romano: «Convertitevi e credete al Vangelo», oppure: «Ricordati, uomo, che polvere tu sei e in polvere ritornerai»”.
A questo punto, precisa la Congregazione, il sacerdote “impone le ceneri a quanti si avvicinano a lui o, se opportuno, egli stesso si avvicina a quanti stanno in piedi al loro posto”, prendendo le ceneri e lasciandole “cadere sul capo di ciascuno, senza dire nulla”.
 
 

Giornata del Seminario

Il lettorato per Adriano e Cristiano, al servizio della Parola

Domenica 31 gennaio, si è celebrata la Giornata del Seminario interdiocesano, con particolare attenzione alle vocazioni al ministero ordinato. La Bibbia ci presenta, tra l’altro, l’interessante narrazione della chiamata del giovane Samuele. Ma anche oggi oggi il Signore continua a chiamare giovani che come Samuele hanno bisogno di un accompagnamento personale, così come allora fece Eli, per essere sostenuti, confortati, aiutati a scoprire che si tratta di una chiamata da parte del Signore e mettere in gioco la propria vita per donarla a Lui nel servizio della Chiesa e dei fratelli nel ministero sacerdotale.

Questo compito di accompagnamento nel discernimento vocazionale è specifico del sacerdote. Ma una responsabilità e un ruolo speciale spettano alla famiglia e alla comunità cristiana dove i giovani possano trovare un ambiente idoneo per ascoltare e accogliere la chiamata di Gesù.  Benedetto XVI ha affermato che “la missione del sacerdote nella Chiesa è insostituibile”. Benché in molte regioni vi sia una dolorosa carenza di sacerdoti e di seminaristi, occorre avere la certezza che Gesù Cristo continua a suscitare uomini che – come gli Apostoli – abbandonano ogni cosa per seguire Gesù.

Sabato 30 gennaio la comunità parrocchiale del Ferrone ha vissuto con particolare intensità e profonda commozione il conferimento del ministero del Lettorato, durante la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo, a due amici che già prestano servizio in parrocchia.

Erano presenti, oltre ad alcuni sacerdoti della diocesi, i seminaristi del Seminario interdiocesano di Fossano con il loro rettore don Edoardo Olivero che ha presentato alla comunità Cristiano Bellino in cammino verso il traguardo del presbiterato, mentre il parroco don Flavio Begliatti ha presentato Adriano Stefanoni che si prepara al diaconato permanente.

Dopo l’omelia il vescovo ha rivolto ai candidati una esortazione volta a delineare il contesto generale dell’ufficio del lettore, che è quello di servire alla fede: «E ora diventando lettori, cioè annunziatori della Parola di Dio, siete chiamati a collaborare a questo impegno primario nella Chiesa e perciò sarete investiti di un particolare ufficio, che vi mette a servizio della fede, la quale ha la sua radice e il suo fondamento nella Parola di Dio»

Ha poi sottolineato che, come Gesù, anche il lettore di oggi deve diventare non solo un dicitore ma un realizzatore della Parola, un testimone. Egli è invitato a guardare al modello Cristo e a lasciarsi permeare dallo Spirito Santo, il solo che può dare vita alla Parola.

Dopo l’esortazione, i candidati, inginocchiati davanti al vescovo sono stati invitati, con i fedeli, alla preghiera a cui ha fatto seguito l’invocazione da parte del vescovo: «O Dio, fonte di bontà e di luce, che hai mandato il tuo Figlio, parola di vita, per rivelare agli uomini il mistero del tuo amore, benedici questi tuoi figli eletti al ministero di lettori. Fa’ che nella meditazione assidua della tua Parola ne siano intimamente illuminati per diventarne fedeli annunziatori ai loro fratelli». Infine i candidati si son accostati a uno a uno al vescovo, che ha consegnato loro il libro delle Scritture, dicendo: «Ricevi il libro delle sante Scritture e trasmetti fedelmente la Parola di Dio, perché germogli e fruttifichi nel cuore degli uomini». Le Scritture sono poste nelle mani del lettore perché le proclami al popolo di Dio con l’assistenza dello Spirito Santo, affinché la Parola germogli e fruttifichi nel cuore degli uomini. I canti che hanno accompagnato la celebrazione rendendola più vivace e partecipata da parte dei fedeli  avevano come filo conduttore il tema della vocazione.

di CARLA ANSELMO

Giornata Mondiale del Malato

Materiale disponibile in Curia

Per la Giornata mondiale del malato, dovendo adeguarsi doverosamente alle normative e quindi alle limitazioni anti-Covid, in diocesi ci sarà un unico appuntamento comunitario con la presenza del vescovo a presiedere l’Eucaristia domenica 14 febbraio, alle 11,15 nella parrocchiale di San Giuseppe a Cengio.

Potrà essere seguita sulla pagina Facebook della parrocchia, oppure scrivendo su un motore di ricerca: parrocchie di Camerana, Cengio, Monesiglio, Prunetto, Saliceto.

La Giornata dell’11 febbraio quindi è affidata nel suo significato di premura, attenzione, solidarietà e preghiera alle realtà degli Ospedali, delle Case di riposo, dei Centri residenziali, nonché alle famiglie ove si trovano appunto tanti malati, in questo tempo difficile.

All’Ospedale di Mondovì  l’11 febbraio alle ore 16, il vescovo presiederà l’Eucaristia condividendo la preghiera con i malati e gli operatori sanitari.

 
Il materiale divulgativo e di sensibilizzazione è già disponibile negli Uffici di Curia a Mondovì Piazza.
 
Don Meo Prato
Responsabile della Pastorale della Salute

 

Giornata del Seminario

31 gennaio 2021


Da sinistra: Costamagna Alberto (IV Teologia, Diocesi Fossano – 29 anni), Bellino Cristiano (V Teologia, Diocesi Mondovì – 24 anni), Bellino Nicolò (II Teologia, Diocesi Mondovì – 21 anni), Don Carlo Vallati (Padre Spirituale), Don Edoardo Olivero (Rettore del Seminario), Daniele Alessandro (I Teologia, Diocesi Cuneo – 20 anni), Tibaldi Emanuele (II Teologia, Diocesi Alba – 22 anni).

Domenica 31 gennaio 2021, nelle Diocesi di Alba, Cuneo, Fossano e Mondovì si terrà la Giornata del Seminario. La Diocesi di Saluzzo, invece, anticiperà la Domenica precedente.

Stante l’attuale situazione il Rettore del Seminario Interdiocesano, don Edoardo Olivero, e i referenti di ogni singola Diocesi hanno deciso di non inviare il materiale in formato cartaceo ma digitale. In allegato pertanto uno scritto della Comunità del Seminario Interdiocesano, la foto dei
Seminaristi e la locandina che potete stampare per inserire nelle
bacheche delle Parrocchie.

E’ anche disponibile un video girato dai seminaristi diffuso attraverso i canali social della Pastorale Giovanile e  Vocazionale della Diocesi.  

Vi ricordo che le offerte raccolte dovranno essere versate all’Economato della Diocesi di Mondovì, come gli anni scorsi.

Settimana di Preghiera per l’unità dei cristiani

Dal 18 al 25 gennaio 2021

La celebrazione diocesana di preghiera per l’unità dei cristiani è stata trasferita dalla settimana 18-25 gennaio al periodo di Pentecoste.

Viene proposta un’occasione di studio della tematica dell’anno “Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto” già nel contesto della settimana di preghiera con l’approfondimento dell’aspetto biblico, spirituale e pastorale.

L’Azione Cattolica di Mondovì offrirà a questo incontro il servizio di coordinamento della serata e il supporto tecnico. Al tavolo virtuale sono stati invitati i vescovi delle tre diocesi, la pastora della Chiesa cristiana evangelica e i tre parroci delle comunità ortodosse ufficialmente riconosciute. Ad ogni tradizione cristiana è chiesto un approfondimento del brano biblico più conforme alla propria sensibilità religiosa.

L’evento sarà lunedì 25 gennaio alle ore 21 sul canale youtube dell’Azione Cattolica di Mondovì al link: https://youtu.be/8FXzEVpNoNY

don Egidio Motta, Commissione ecumenica a Mondovì

Lutto per il vescovo Egidio Miragoli: è mancata la mamma Giulia

Nella mattina di martedì 26 gennaio la mamma del Vescovo Egidio Miragoli, Giulia di anni 90, ha compiuto il suo trapasso da questo mondo al Padre.

Il presbiterio diocesano, con i vescovi emeriti mons. Sebastiano Dho e mons. Luciano Pacomio, con i diaconi, si unisce nella preghiera di suffragio, esprimendo la vicinanza al vescovo Egidio ed alla sua famiglia in questo momento di dolore.

Considerata la situazione attuale di limitazioni, parteciperà ai funerali una piccola rappresentanza della diocesi. Non potendo intervenire in presenza mercoledì 27 gennaio alle ore 20 il rosario in suffragio al Santuario di Vicoforte (con possibilità di collegamento in diretta streeming in fondo a questa pagina e sul sito del Santuario).

Terza Edizione del Messale Romano

Indicazioni per l’inizio dell’utilizzo in occasione della Prima domenica di Avvento

 
 
I Vescovi di Piemonte e Valle d’Aosta hanno stabilito che, per le loro diocesi, l’uso della terza edizione del Messale Romano entri in vigore la prima domenica di Avvento, il 29 novembre 2020.
La Commissione Liturgica Regionale ha predisposto delle indicazioni per accogliere il nuovo messale nelle diverse comunità prima della celebrazione dell’Eucarestia, proprio in occasione dell’inizio del nuovo anno liturgico.

 

Il Direttore dell’Ufficio Liturgico
(Don Pier Renzo Rulfo)

 

 

Sospensione dei concerti corali nelle chiese

Per deliberazione dell’Ordinario Diocesano, in seguito all’ultimo DPCM del 25 ottobre 2020, l’Istituto Diocesano di Musica Sacra di Mondovì interrompe il protocollo per lo svolgimento dei concerti corali nelle chiese del 15 agosto 2020 e sospende, fino a nuove disposizioni, la concessione dei permessi per l’esecuzione di concerti nei luoghi di culto (anche all’aperto) sul territorio della Diocesi.

Il Direttore dell’IDMS
(don Gian Piero Dall’Orso)